“Suonna e piscia ‘o lietto”: Covid, la reazione impensabile dopo il vaccino. I virologi confermano l’incredibile effetto collaterale. Da TSO2

Covid, la reazione impensabile dopo il vaccino. I virologi confermano l’incredibile effetto collaterale

“Brutte notizie, nuovi guai a lungo termine dal Covid”, Burioni e il terrore per gli effetti del virus
« Ma il profeta che avrà la presunzione di dire in mio nome una cosa che io non gli ho comandato di dire, o che parlerà in nome di altri dei, quel profeta dovrà morire. »   (Deuteronomio 18:20)


Virus, Burioni: “In Italia il rischio è zero”

02 febbraio 2020
alternate text
Foto Ipa/Fotogramma

Medici e infermieri no-vax manifestano in centro contro l’obbligo vaccinaleIn Italia il rischio è 0. Il virus non circola. Questo non avviene per caso: avviene perché si stanno prendendo delle precauzioni”. Lo dice il virologo Roberto Burioni parlando del coronavirus a ‘Che tempo che fa’ su Rai 2. “Questi allarmi continui non sono necessari: bisogna basarsi solo sui casi confermati ed è davvero odiosa questa discriminazione contro i cinesi e contro gli italiani di origine cinese. È una cosa barbara”, evidenzia Burioni, per il quale è proprio la Cina a dover affrontare una vera e propria emergenza. “In Cina la situazione è ancora molto grave: ci sono stati 304 morti, 45 solo nelle ultime 24 ore. Più di 2000 persone sono ricoverate in condizioni gravi e il numeri di casi è difficile da quantificare”.”

02 febbraio 2020 | 21.50
E ancora parla ‘sta lingua biforcuta”, che ha aperto autostrade in modo che il covid potesse bastonarci senz’armi per legge dello stato “Vigile attesa + Tachipirina”
Lui bocca chiusa, quando i veri medici, non buffoni come lui, curavano con successo i malati gravi di Covid con terapie convenzionali. E spegnetelo questo degenerato, se non volete condividere il suo destino di traditore seriale di tutto ciò che è buono e bello. “Il vaccino è l’unica soluzione” è opera anche sua. E qual è l’unica soluzione per un depravato come lui, al cospetto della Divinità?

Guardatevi dai falsi profeti

«Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro son lupi rapaci. Voi li riconoscerete dai loro frutti. Si colgon forse delle uve dalle spine, o dei fichi dai triboli? Così, ogni albero buono fa frutti buoni; ma l’albero cattivo fa frutti cattivi. Un albero buono non può far frutti cattivi, né un albero cattivo far frutti buoni. Ogni albero che non fa buon frutto, è tagliato e gettato nel fuoco. Voi li riconoscerete dunque dai loro frutti.» (Matteo 7:15-20)

Image

“Sta succedendo qualcosa: hanno fatto pressioni per non curare i pazienti Covid” ▷ L’allarme del Dr. McCullough

Coronavirus, Montanari: la grande truffa è il vaccino

CORONAVIRUS: ABBIAMO DENUNCIATO STEFANO MONTANARI

“L’unica soluzione è il vaccino”. Perché? Ecco la tragica risposta: cavie umane, torture rituali, morte, schiavitù.

Chi nel passato, a proprie spese, aveva denunciato il contenuto non dichiarato dalle
aziende farmaceutiche di veleni di ogni tipo, compresi materiali genetici non consentiti
all’epoca, è ora perseguitato dalla legge italiana.


Il vaccino contro il Covid dà effetti collaterali, tra cui uno inaspettato. «È possibile sentirsi stranamente energici subito dopo aver ricevuto una dose del vaccino anti-Covid» le parole all’AGI di Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano. «I motivi potrebbero essere due, uno psicologico, cioè sapere che si inizia a essere più protetti da Covid-19, e l’altro potrebbe dipendere dal nostro sistema immunitario che con l’iniezione riceve un piccolo e breve sprint», spiega l’esperto.

La leggenda metropolitana degli spinaci di Braccio di Ferro - Wired
Vaccini sostituti pure degli spinaci di Braccio di ferro?

Ammette di essersi sentito più ‘forte’ dopo la vaccinazione anche Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. «Mi sono sentito subito meglio, ma solo per una questione psicologica. Abbiamo aspettato con ansia l’arrivo di un vaccino che ci proteggesse da Covid-19 che quando finalmente mi è stato somministrato ero davvero felice», dice l’infettivologo Bassetti. oncorda Silvio Garattini, farmacologo e fondatore dell’Istituto Mario Negri di Milano: «In letteratura scientifica non si parla di effetti collaterali ‘positivi’ legati al vaccino, ma comprendo benissimo che ci si possa sentire più forti ed energici dopo che finalmente si inizia a essere immunizzati contro il virus che ha sconvolto le nostre vite». Intanto la campagna vaccinale va avanti.” C

Della serie “Vaccini personalizzati”:
1)

Clapton devastato dal vaccino covid. «Io sono stato un ribelle per tutta la vita, ho combattuto la tirannia e l’autoritarismo più arrogante, che è quello che abbiamo adesso. Ma cerco anche compassione e amore… sono convinto che è grazie a loro che vinceremo».

2) Pluri vaccinato (per scopi ricreativi, eh!).

La testa! Quando hai tanti impegni le cose le dimentichi… E allora vaccini a go go. Presidente Zingaretti, ma è sicuro che è sempre acqua fresca? Occhio!

3) Overdose?

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/vaccino-insegnante-gravi-condizioni-unemorragia-cerebrale-1930870.html

Il militare fa il vaccino e muore Aperta un’inchiesta a Siracusa

L’insegnante ha iniziato ad accusare i primi sintomi poco dopo aver ricevuto la dose di vaccino e la situazione è precipitata rapidamente e ieri la ragazza è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Gela. Il fortissimo mal di testa e lo stato confusionale dell’insegnante hanno suggerito ai medici il sopraggiungere di un problema neurologico, tanto che è stata immediatamente sottoposta a un intervento di neurochirurgia per una gravissima emorragia cerebrale. Ora l’insegnante versa ancora in condizioni critiche ed è necessario proseguire con le indagini per capire se esiste una correlazione tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e il malessere. Attualmente non è stato trovato nessun collegamento. I medici e le autorità si riservano di effettuare ulteriori e approfondite indagini per avere maggiori risposte.

Da ciò che per il momento è emerso dalle prime indiscrezioni, la dose di vaccino AstraZeneca somministrata all’insegnante non è una di quelle del lotto che i Nas hanno ritirato nei giorni scorsi per maggiori analisi sulle possibili correlazioni tra il decesso del militare e il preparato. Inoltre, per il momento non è previsto il sequestro del lotto utilizzato per la dose somministrata alla ragazza, in attesa di ulteriori riscontri. Ora l’insegnante si trova nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Gela e i medici non possono al momento scigliere la prognosi.

Il procuratore al quale è stato affidato il caso sta procedendo agli accertamenti preliminari per “verificare la situazione sanitaria dal momento del vaccino ad oggi“. A ora non esistono notizie circa patologie pregresse nell’insegnante. Gli esperti ci tengono a sottolineare che i vaccini sono sicuri e che non sono ancora state trovate correlazioni dirette tra le somministrazioni del vaccino e le morti che sono state segnalate come sospette. Oggi è cominciata l’autopsia sul corpo del militare morto a Siracusa. Il militare ha accusato un malore 12 ore dopo aver ricevuto la dose AstraZeneca presso l’ospedale militare di Augusta. Nelle prossime ore sono attesi in Sicilia gli ispettori del ministero della Salute.


Dopo soli pochi mesi i morti per vaccino superano i morti per covid…

Abbiamo visto più morti da questo vaccino rispetto a tutti i vaccini negli ultimi 20 anni messi insieme. Dr. Cole su vaccino Covid. Italia muta.

Vaccino: Pfizer chiede autorizzazione per bambini da 2 a 11 anni. Tranquilli, garantisce Bill Gates!

Come affetti gravi da autismo, chiusi in un mondo proprio e impermeabili agli stimoli esterni, imperterriti, i vertici italiani ed europei, ignorano tutto e tutti, compresa ovviamente la chiara frode dei “vaccini unica soluzione”, Bill Gates è un, (!?), ehm… “benefattore dell’umanità” (con quelle belle credenziali), “il covid è frutto del caso” e vanno avanti come se la realtà fosse l’esatto opposto di quella che è.

E per i “DELINQUENTI” ci sono le carceri, ma per i “no-vax” c’è la “soluzione finale” stile Nazi.

Il Papa scherza sul whisky: «È la vera acqua benedetta». Poi il Vaticano censura il video…

 

Da benedire i fucili a benedire i “vaccini”, il passo è breve…


O con le buone…
O con le cattive: “Basta buttare le dosi, vaccinare chi passa”. “Ci sarà un momento in cui, quando i vaccini arriveranno in massa, si potrà fare ‘fuoco con tutte le polveri’ – ha detto il generale – noi satureremo tutti i centri, tutti i punti: ci si presenterà e ci si vaccina e si chiuderà la partita”. (Ma il nemico su cui far “fuoco con tutte le polveri”, e “chiudere la partita”, siamo noi generale?).

A volte capita che coloro i quali vogliono ridicolizzare “i complottisti” (in italiano coloro che perpetrano complotti ai danni del prossimo, ma nella nuova vulgata tradotto come “coloro i quali temono di essere vittime di complotti”, quasi come se costoro fossero degli imbecilli. Per la verità per chi appena appena conosce un filino della storia umana mondiale questo sfottò, addirittura criminalizzato da i media di regime, dovrebbe per lo meno rendersi conto che essere “complottista” nell’accezione errata e capziosa di alcuni pennivendoli, non solo è del tutto comprensibile, ma addirittura necessario. Ogni abuso, ogni crimine, ogni guerra, ogni contesa nel mondo, da quando è nato quel personaggio chiamato “sapiens-sapiens”, ha tanto fatto abuso dei complotti, che essi nella nostre travagliata storia più che l’eccezione sono la regola!
Detto questo voglio farvi notare le insensate considerazioni del celeberrimo sito Butac, che si compiace di smascherare notizie false per conto terzi, ma nella maggior parte dei casi non fa altro che negare i fatti reali e validare menzogne di ogni tipo. Cari amici, cambiate mestiere: l’eristica necessita della conoscenza dell’euristica per essere efficace; ed a voi molto difetta!
1) Pretendono di giustificare l’acquisto o l’affitto di container, i nostri immancabili vertici della (s)protezione civile lautamente sponsorizzati dal governo italiano, di cui ormai da anni condividono il sito, essendo in realtà una specie di “governo ombra” che opera sinergicamente ai poteri politici, pur non essendo eletti, e senza responsabilità effettive. Ebbene questi vorrebbero far credere che le centinaia di milioni di € stanziati per migliaia di container da smistare in tutte, dico tutte le regioni italiane servano a scopo di emergenze ordinarie, come terremoti alluvioni ecc.
2) Si sostiene che non vi siano attualmente preoccupazioni delle autorità per il covid, né tantomeno per i “no vax”, ormai dichiaratamente equiparati a delinquenti comuni da larga parte dei media e della politica. La cosa però è già in atto in altri luoghi del mondo:
https://www.ilparagone.it/esteri/germania-lager-norme-covid/
Ma da noi nooooo!
3) Da quando sono nato (più di sessanta anni) in caso di calamità naturali, tra cui il terremoto del 1980 che ho vissuto in prima persona, mai visto né letto che  il giorno dopo arriva l’omino della protezione civile che ti monta un container con vitto ed alloggio garantiti. Mai, al massimo qualche tenda e le solite elemosine richieste ai cittadini per aiutare donando coperte, abiti, cibo, ecc! Ipotizzare poi un terremoto che coinvolga tutte le regioni italiane contemporaneamente è assolutamente un caso mai registrato sin dalla preistoria.
4) Per non parlare dei “treni covid” n tutta Europa, con Italia in prima fila,  che sinceramente sono molto poco rassicuranti:
Un treno-ospedale europeo per far fronte a nuove pandemie: la proposta della Germania all'Ue
5) Burioni&co, a dispetto dei loro stessi colleghi massmediatici dimostrano una totale fiducia sull’efficacia dei vaccini tanto da sbilanciarsi su affermazioni come questa:
Coronavirus, foto di Burioni e Zangrillo senza mascherina: "Guardate il nostro sorriso"

6) BUTAC SOSTIENE CHE I CONTAINER NON VERRANNO ACQUISTATI, MA PRESI IN AFFITTO. DOMANDA STUPIDA: QUALE AZIENDA HA MAI AVUTO DISPONIBILI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI CONTAINER DA AFFITTARE, MANCO FOSSERÒ PEDALÒ? INVESTONO OGGI PER REALIZZARE TRA X ANNI (10? 20? 30? MAI?). MAI SENTITO PARLARE DI COSTI DI AMMORTAMENTO? QUESTI NON SAREBBERO IMPRENDITORI, MA PAZZI SCATENATI. DEL RESTO MAI SENTITO PARLARE DEL MERCATO DEI CONTAINER PER USO ABITATIVO DI SECONDA MANO. CHE FARSA!
Per concludere: ma allora a che servono tutti ‘sti marchingegni, quando ancora c’è gente che ci vive ancora dentro (i container) da decenni?
Godetevi l’articolo dei difensori della “verità un tanto al chilo”:

 campi d’emergenza deja vu

“Allarmismo e indignazione in salsa complottista

Mi sembra d’esser tornato indietro nel tempo, quando ci segnalavate le bare e i campi della FEMA negli Stati Uniti. In queste ultime ore ci sono arrivate diverse segnalazioni simili, ma non si parla della FEMA, bensì della nostra Protezione Civile, che ha aperto un bando d’acquisto per delle strutture emergenziali. Strutture che per certi soggetti legati al mondo dei complotti dimostrano l’esistenza di piani dei poteri forti contro la popolazione mondiale.

Sul blog di Nicola Porro la notizia viene ripresa con questo titolone:

Il mistero dei campi d’emergenza del governo

La fonte usata è Radio Radio di cui si riportano, parafrasati, i contenuti. In pratica si sta cercando di dare a intendere ai lettori che il bando apparso sul sito del Consip abbia a che fare con la pandemia in corso e che i campi d’emergenza possano essere strutture per contenere la popolazione. Vi riporto dal blog di Porro le parole del suo autore, Max Del Pane:

In sostanza, il governo fa preparare aree di contenimento, senza specificarne l’uso, per ogni regione d’Italia. E, dati i tempi, l’assonanza tra campi di contenimento e campi di concentramento è sinistra quanto inevitabile.

Probabile che siano simili anche le parole usate anche su Radio Radio, non mi sorprenderei. I toni dell’articolo sono quasi più simili alla sezione commenti su YouTube di Radio Radio che al video di Diego Fusaro dove vengono espresse preoccupazioni simili. Il titolo scelto da Fusaro:

Stanno nascondendo qualcosa? Perché il Governo acquista campi container di emergenza in tutta Italia?

Io prima di andare oltre vorrei farvi capire quanto poco la redazione di Radio Radio ha capito di quel che andiamo a trattare. Questo (preso dai pdf sul sito) è quanto riportato nei documenti sul sito del CONSIP:

OGGETTO DELL’ACCORDO: Noleggio di container per l’allestimento di campi container con destinazioni d’uso diverse e servizi connessi

Rileggete sopra, le parole usate da Radio Radio nella copertina al video di Fusaro, ACQUISTA CAMPI CONTAINER, sono una bugia: il bando è per il noleggio, non per l’acquisto. Sia chiaro, Fusaro nel suo video non usa mai la parola acquisto se non per far riferimento al sito della Pubblica Amministrazione AcquistiInRetePA. Ma a me basta vedere che la redazione di Radio Radio neppure ci ha provato, a verificare i fatti per fare un titolo corretto.

Vi riporto un passaggio dal blog di Porro:

“A cosa servono questi campi? Qual è l’obiettivo di tutto ciò?” si domanda Radio Radio: mistero. Ottomila persone potenzialmente rinchiuse in ogni regione, ricorda molto certi tentativi di golpe, come il Piano Solo di triste quanto obliata memoria. Serviranno a difendere o a imprigionare? E imprigionare chi? Le ipotesi sono sconfinate: chi si dichiara allergico al vaccino; chi è marchiato senza appello come nomask o, peggio, negazionista a tutto tondo; chi si azzarda a tenere aperta la propria attività per non morire di fame; chi comincia a dare segni di squilibrio dopo oltre un anno di cattività; e poi, ancora: chi resta perplesso – non rifiuta, non sabota, semplicemente non gradisce – la legge Zan; chi è colto sul social a scrivere qualcosa, qualsiasi cosa, che strida con la neolingua del politicamente corretto; chi osa informare da prospettive eccentriche quanto a lockdown, curve dei contagi, dati più o meno falsati, terapie alternative; chi si permette articoli scomodi verso il regime; chi non ci sta alla narrazione terroristica, ossessiva, che martella i cervelli senza placarsi un attimo, ogni ora di ogni giorno; fino a chi pretende addirittura di votare, o si dichiara sovranista, non filogovernativo, non fanaticamente votato alla divinità Ue.

Capite che si sta tirando a casaccio quando si cita la legge Zan che non ha nulla a che fare con tutto il resto? Ma più che altro, campi d’emergenza per ottomila persone a regione? Se davvero ci fosse paura di ottomila soggetti a regione basterebbero le forze dell’ordine a tenerli sotto controllo, senza nessun bisogno di campi di contenimento. Siamo di fronte a un normalissimo bando d’acquisto e noleggio per strutture d’emergenza, simile in tutto e per tutto a quelli fatti in passato, se non che ora si prevede nel bando anche che le strutture siano pronte in caso di necessità di sanificazione all’entrata dei container stessi. Ma se uno si leggesse i documenti, quelli che per trasparenza, e non mistero, sono pubblicati sul sito del COSIP, si troverebbe di fronte a termini come “eventi sismici”, non pandemia ed emergenza sanitaria. Non troverebbe descrizioni di strutture adatte a “contenere” dissidenti, ma più che altro a dare un tetto a chi ne avesse bisogno per emergenze varie. Alluvioni, terremoti ecc ecc. Tutte cose che nel nostro Paese avvengono. Senza bisogno di scomodare i campi di concentramento.

Due cose mi fanno sorridere, il tweet di un esasperato Claudio Borghi che si scontra con la realtà dei fatti:

La realtà di cui parlo è che qui Borghi si sta lamentando di propri follower che gli chiedono lumi su questi fantomatici campi di container, e lui non ne può più. Purtroppo per lui quei follower sono esattamente i soggetti che la Lega ha tirato su con la sua Bestia, gente che non ha gli strumenti per capire che i Porro, i Fusaro (e anche i Tiboni che proprio ieri son finiti sulle nostre pagine) stanno solo monetizzando sulle sue paure. Vi ho dovuto mettere uno screenshot del caro Borghi perché lo stesso mi ha bloccato dal suo profilo Twitter. Tutto lecito, sia chiaro, siamo in democrazia e ha tutto il diritto di cercare di rendermi più difficile il confutare quanto pubblica. È curiosa la scelta di un parlamentare di bloccare un fact-checker, ma ognuno fa poi come gli pare.

Non notizie

Non dobbiamo sorprenderci se queste non notizie diventano storie allarmistiche da condividere in rete. Ci sono persone che campano su questi allarmismi, persone che senza questo genere di articoli sarebbero delle assolute nullità. La pandemia ha regalato a questi soggetti il loro palco speciale. E un pubblico immenso di gente spaventata, spesso chiusa in casa, psicologicamente debole.

Il governo e i politici dovrebbero muoversi a studiare strategie per aiutare queste persone, intendo quelle spaventate da questo modo di fare informazione. Ci vorrebbe una bella campagna informativa, una sana pubblicità progresso per mettere in guardia la popolazione da chi avvelena il pozzo. E un sano ripulisti della televisione pubblica dai tanti incapaci di gestirla come andrebbe fatto.

Lo so, pochi faranno lo sforzo di spulciare i capitolati della CONSIP, nessuno leggerà i tanti documenti pubblicati sul loro sito. Se siete follower di BUTAC vi fiderete di noi, se siete follower degli avvelenatori verrete qui a vomitare il vostro odio.

A noi cambia poco, sappiamo di avere anche lettori che ci fanno le pulci per amore della corretta informazione, lettori che sanno quando è il caso di avanzare una critica e quando invece è il caso di evitare i commenti.

Non credo di poter aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!
Un altro modo per sostenerci è acquistare uno dei libri consigliati sulla nostra pagina Amazon, la trovi qui.”

 

Se questo è un uomo
Poesia di Primo Levi

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

 

Primo Levi


 

Risposta, su richiesta del Prof. Melzer, accademico svizzero e autore nel campo del diritto internazionale da parte di nota associazione internazionale di vittime di tortura elettronica a distanza (FFTI). Dal 1 ° novembre 2016, Melzer è relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti.

https://www.ohchr.org/Documents/Issues/Torture/Call/NGOs/FFTI.pdf

Il Professor Nils Melzer

21 giugno 2020

Relatore speciale sulla tortura e altre crudeltà,

Trattamenti o pene inumani o degradanti

Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani

52 rue des Pâquis

CH-1201 Ginevra, Svizzera

Re.: Risposta a RFI per la relazione sulle dinamiche psicosociali che favoriscono la tortura [inviato 21-Jun-2020 a 11: 30 pm ora locale (east coast USA); 2.000 parole totali] Caro Professor Melzer, sto inviando questa risposta alla tua richiesta di informazioni per conto di una organizzazione per i diritti umani conosciuta come FFTI. Questa è una risposta congiunta da parte mia e della signora Ella Free, lei e io siamo i co-fondatori di FFTI ed abbiamo l’incarico rispettivamente di presidente e vice presidente dell’organizzazione. Siamo parti interessate nelle dinamiche psicosociali che favoriscono la tortura, così come per le misure raccomandate per prevenire e mitigare la tortura, per i seguenti motivi. La nostra organizzazione si impegna e sostiene circa 15.000 persone negli Stati Uniti e altri paesi che sostengono di essere vittime di stalking e molestie organizzate, assalti ad energia diretta a distanza, e relative forme di persecuzione e maltrattamenti. Una considerevole percentuale delle vittime con cui ci impegniamo hanno condiviso documentati, prove di abusi che vanno dalle molestie psicologiche alla tortura psicologica e fisica con dispositivi direzionali che emettono energia. Inoltre, la signora Free ed io abbiamo esperienza di prima mano come vittime in prima persona di tortura, e ciò ci ha motivato a impegnarci nel sostegno alle vittime e nel lavoro di difesa. Io sono stato torturato da molestie tecnologiche assistite e da assalti da armi ad energia diretta dal 01/10/2013 al 28/01/2016 Ott-2013 a 28-Jan-2016 a Vancouver, Canada, presumibilmente perché ho assistito ad attività criminali in un edificio non residenziale accanto al mio appartamento. La signora Free è una vittima in corso di queste forme di abuso, a quanto pare perché ha respinto le avances di un ricco spasimante con collegamenti con l'industria high-tech (alta tecnologia). Di conseguenza, abbiamo in prima persona competenza in queste materie e una ricchezza di competenze raccolte dalle migliaia di presunte vittime con cui ci impegniamo regolarmente. Noi e la nostra organizzazione rappresentiamo anche la società civile, essendo membri non violenti e rispettosi della legge delle nostre comunità. Contesto Rilevante C'è ampia letteratura scientifica e altra documentazione che dimostra che l'energia a radiofrequenza/microonde diretta pulsante è in grado di causare sensazioni di dolore, compromissione di funzioni muscolari compresi quello del cuore, danni capillari e lividi, infiammazione e ustioni, danni agli occhi, potenziale commozione cerebrale senza trauma da corpo contundente (chiamata " l'Immacolata mazzata" da alcuni esperti medici), e vari fenomeni sensoriali indotti come il “Frey”, effetto uditivo completamente indirizzato da remoto e anche attraverso pareti, soffitti, e lastre per pavimenti in cemento che non sono ben schermate contro l'energia a radiofrequenza / microonde. Energia pulsata in radiofrequenza / microonde di potenza sufficientemente elevata, inferiore a quello che uno potrebbe aspettarsi, può indurre ronzio percepito suoni, squillo acuto, o complessi suoni naturalistici, riscaldando leggermente il cervello con ogni impulso di energia. Permanenti le onde di pressione indotte dal riscaldamento pulsato del cervello si propagano all'orecchio interno, producendo suoni percepiti dalla sola vittima tramite questo effetto. La preminenza di questo fenomeno tra alcuni elementi del personale del governo degli Stati Uniti e del Canada di stanza a Cuba, che hanno riportato assalti energetici direzionali a partire dalla fine del 2016, ha spinto agenzie governative e media per segnalare quegli incidenti come assalti con "armi soniche”. Due studi medici hanno trovato prove di danni neurologici e tessuto cerebrale cambiamenti in quelle vittime a causa di questo incidente: pagina 1 di 4• • Swanson, 2018. JAMA 319: 1125-1133, doi: 10.1001/jama.2018.1742. Verma et al., 2019. JAMA 322: 336-347, doi: 10.1001/jama.2019.9269. Dati i sintomi distintivi vissuti da quelle vittime, un scienziato di San Diego MD-PhD (MD: Medical Doctor e dal latino PhD: Philosophiæ Doctor), egli, che ha una vasta esperienza in bio-effetti delle radiazioni non ionizzanti, riconosciute manifestazioni tra il personale governativo come causate da energia a radiofrequenza / microonde: * Golomb, Ba, 2018. Calcolo neurale 30: 2882-2985, doi: 10.1162/neco_a_01133. Per molti anni, i militari di tutto il mondo hanno sviluppato armi ad energia diretta per il controllo della folla. Allo stesso modo, i dispositivi radar attraverso i muri (TTW) (noti come "radiolocalizzatori” e "radiatori intenzionali" dalla Commissione federale delle comunicazioni degli Stati Uniti) sono sotto attivo sviluppo per l'uso da parte dei servizi di emergenza. Lo sviluppo di tali tecnologie continua a progredire in termini di aumento della distanza efficace e diminuzione delle dimensioni. È pericoloso presumere che solo i militari e le agenzie di Intelligence siano in grado di impiegare dispositivi nocivi per l’emissione di energia a scopo di tortura e maltrattamenti Gli assalti al personale del governo statunitense e canadese a Cuba sono stati effettivamente coperti dalla stampa mainstream (pilotata) anche se con molte polemiche e confusione a causa della difficoltà di raccogliere prove forensi evidenti perché quelle aggressioni sono state effettuate contemporaneamente contro un gruppo di individui prominenti e credibili. Presi insieme, lo lo sviluppo militare di armi ad energia diretta e gli assalti ai diplomatici a Cuba porta la maggior parte delle persone a concludere che solo militari e agenzie di intelligence (servizi segreti) di nazioni ricche siano in grado di eseguire tali assalti. Eppure, secondo migliaia di vittime di umili ceti sociali, aggressioni simili sono segnalati come in corso da parte di gruppi criminali organizzati all'interno delle comunità. Anche se questo "terrorismo da cortile" è ora segnalato come verificato in numerose comunità, in molte nazioni, vittime ordinarie universalmente non riescono a ottenere la copertura dei media (TV, giornali, informazione del web), documentazione medica di aggressioni con armi occulte ad energia diretta, assistenza di polizia, o le loro accuse sono considerato come manifestazioni di teorie “complottistiche" “amplificate " o di malattia mentale. Mentre militari, agenzie di intelligence, e alcuni settori delle forze dell'ordine sono certamente in grado di dispiegare armi ad energia diretta contro persone mirate - con poca o nessuna responsabilità, è pericoloso assumere che queste capacità siano limitate a tali entità. Il il problema della tortura e dei maltrattamenti con dispositivi ad energia diretta è molto più diffuso dell’incidente di Cuba. I produttori di generatori a microonde ad alta potenza, antenne, guide d'onda e hardware a radiofrequenza associato, che forniscono componenti ai militari gli appaltatori, l'industria delle telecomunicazioni e il settore dei dispositivi medici, producono un catalogo massiccio di tecnologia commerciale non da supermercato. I componenti di tale tecnologia possono essere assemblati o adattati in dispositivi dannosi, compresi i dispositivi per facilitare lo stalking, l'invasione della privacy, abuso, aggressione fisica e tortura. I dispositivi di energia diretta risultanti sono sempre più disponibile per i criminali attraverso vari mercati. Supponendo che la tortura per mezzo di energia diretta è solo una capacità di attori statali pone un pericolo per la società civile. Questa ipotesi facilita l'inazione da parte delle forze dell'ordine, a sua volta facilitate dalla crescita senza restrizioni di una nuova modalità di tortura all'interno della Comunità e del “terrorismo da cortile”, terrorismo", che sono già stati compiuti impunemente da lupi solitari e gruppi criminali organizzati. Con questo background in mente, commentiamo le relative dinamiche psicosociali che favoriscono la tortura e il maltrattamento attraverso assalti a energia diretta e stalking organizzato. Formuliamo anche raccomandazioni riguardanti la prevenzione e la mitigazione di queste attività. Rilevanti dinamiche psicosociali favorevoli alla tortura e ai maltrattamenti Gli assalti a energia diretta sono altamente invasivi e profondamente lesivi, perché possono essere inviati in remoto e segretamente alle vittime mirate influendo sulla loro vita quotidiana nelle dinamiche, della comunità (ad esempio, tramite dispositivi montati di nascosto sulle automobili) o mentre le vittime sono a casa (ad esempio, via attrezzature distribuite nelle case vicine). Questo lascia alle vittime la sensazione non c'è nessuna possibilità di sfuggire all'abuso. Inoltre, lo stalking organizzato comporta in genere la partecipazione di un grande numero di aggressori in rete. Casi isolati di molestie sono distribuiti tra molti aggressori, in modo tale che ogni trasgressore può sentire un senso di poca o nessuna colpevolezza. Diversamente, le vittime subiscono l'intero assalto degli abusi durante le campagne di molestie prolungate. Sia lo stalking organizzato e l'abuso di energia diretta sono facilitati dai progressi in commercio tecnologia disponibile. Per quanto riguarda gli esempi specifici di stalking organizzato e di assalti ad energia diretta, identifichiamo i seguenti fattori psicosociali associati alla tortura ed ai danni provocati da essa: 1. La capacità di fornire abusi e torture a distanza e in modo anonimo sembra smorzare molto i sentimenti di empatia e vergogna dei trasgressori, che altrimenti sarebbero più inibiti se più prossimi alle vittime ed in atti pubblici di tortura e maltrattamenti. Così pronunciati sono questi metodi psicosociali che molte vittime riferiscono che le loro molestie e gli abusi come sembra non averne discernibile motivo che non l’intrattenimento antisociale da parte degli aggressori. 2. La tortura e i maltrattamenti all'interno delle comunità sono facilitati da metodologie che consentono più trasgressori di dare piccoli contributi frammentari ad una campagna molto più ampia di abusi diretti contro vittime mirate. Psicologicamente, questa colpevolezza condivisa consente a ciascun complice di non sentire che il loro contributo alla tortura è immorale o criminale. 3. Quando la tecnologia e / o la metodologia criminale consentono di eseguire la tortura all'interno di società apparentemente civili - in contesti quotidiani e in modo difficile da documentare - le forze dell'ordine, i professionisti dell'assistenza medica e persino le famiglie e gli amici delle vittime sono demotivati a fornire assistenza o supporto. "Il tradimento istituzionale" delle vittime, tra cui l'esame psichiatrico forzato e il farmaco forzato in casi estremi, ingrandiscono il traumi e danni subiti dalle vittime. 4. Gli astanti inconsapevoli trovano estremamente difficile accettare che tale inquietante criminale l'attività può verificarsi in modo invisibile tra di loro. Accettare questa possibilità distruggerebbe la loro sensazione di sicurezza e benessere. A causa di una società profondamente ignorante rispetto alle accuse di molestie segrete e torture per mezzo di armi futuristiche, in realtà dovremmo aspettarci che i criminali adattino le loro metodologie e tecnologie a sfruttare queste stesse risposte irrazionali da parte del pubblico astante. Misure raccomandate di prevenzione e mitigazione La questione centrale alla base delle dinamiche psicosociali che favoriscono la tortura da parte di mezzi occulti e tecnologie che lasciano poca traccia è la difficoltà di documentare in modo convincente tale tortura per il pubblico più ampio della società civile. Sicuramente, la stragrande maggioranza della società non vorrebbe mai che tali atrocità comportino rischi per le loro famiglie, amici e concittadini. Con questo in mente, formuliamo le seguenti raccomandazioni per prevenire e mitigare nuove forme di tortura e maltrattamenti assistiti dalla tecnologia: 1. Stabilire politiche che incoraggino le nazioni membri a indagare in modo completo di accuse di tortura e maltrattamenti da parte di attori non statali, gruppi criminali o stati canaglia, ogni volta che un numero soglia di cittadini fanno tali affermazioni. Dato il rapido sviluppo della tecnologia, e riconoscendo che il danno può essere indotto in modi che lasciano poca o nessuna traccia, la motivazione alla base di tali indagini non dovrebbe dipendere dal produrre da parte delle vittime prove fisiche. Riconoscendo che ci sono tecnologie che possono essere utilizzate per la tortura in modi che sono sconosciute o non rintracciabili e che producano effetti bizzarri sulle vittime, sensazioni, percezioni o indagini psichiatriche, sulle accuse di tortura e maltrattamenti non dovrebbero scoraggiarsi dalle difficoltà delle vittime nel descrivere le loro esperienze come destinatari di torture e maltrattamenti. L'onere dell'accertamento dei fatti e della raccolta di prove deve cadere sulle forze dell'ordine e lo stato ogni volta che una popolazione considerevole di cittadini sostiene torture o maltrattamenti, anche se le loro accuse sono difficili da razionalizzare. 2. Stabilire politiche per incoraggiare le nazioni membro ad investire nella previsione di possibili applicazioni di tecnologie nuove, ma esistenti al fine della tortura e dei maltrattamenti dei cittadini e residenti da attori non statali, gruppi criminali o membri di stati canaglia. Quando potenziali modalità di tortura sono previste, le stesse politiche dovrebbero incoraggiare gli investimenti nella sviluppo di misure pratiche e convenienti per assistere gli individui comuni nel documentare la loro tortura o maltrattamenti in modi che hanno valore probatorio in giurisprudenza. Questa raccomandazione dovrebbe essere motivata dai fatti che i criminali sono spesso tra i primi ad adottare nuove tecnologie per il guadagno illecito e che la scienza forense in genere sia lenta nell’individuare le nuove tattiche criminali. Grazie per aver preso in considerazione le nostre raccomandazioni. Sinceramente, Per Maggiori Informazioni: <url> Vice Presidente di FFTI a nome della signora Ella Free, Presidente di FFTI, e la nostra organizzazione: www.freedomfortargetedindividuals.org    

Detto questo noto che le spettanze che non svolgono il proprio dovere, son pronte alla morte per non fare gli uomini, ma pe' carità! Meglio furbo che vivo!

Dipartimento della Protezione Civile

La situazione degli individui soggetti a tortura a distanza, da fonti autorevoli, potrebbe essere persino migliore dei "vaccinati" con le pozioni killer che ci propinano per il Covid 19, pandemia dolosa provocata fraudolentemente per provocare la campagna vaccinale obbligatoria. Mi raccomando! Forze dell'ordine, valutate in che condizioni lavorate grazie ai nostri-vostri dirigenti, e che non bastano pochi incentivi ed aumenti di stipendio ad hoc per chinare il capo. Servite le vostre famiglie, il popolo, non chi vi spinge ad assumere comportamenti omertosi contro i difensori degli interessi comuni: La nostra vita!

Io sto con le forze dell&#39;ordine 14/10/2019 | petizioni.it [caption id="" align="aligncenter" width="762"]La legge e&#39; uguale per tutti... Ma bisogna avere i soldi.... Il Governo sta per tassare il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica con l&#39;imposizione di un contributo unificato di 600 euro. Da anni, la grande assente tra i poteri dello stato è proprio "La Giustizia". Non ci resta che intonare riti propiziatori per il suo ritorno al mondo reale con fedeltà e lealtà verso gli onesti cittadini a cui è sistematicamente negata, assediati dalle orde fraudolente dei "vaccinisti per forza", che nonostante le continue prove che la pandemia covid è fraudolenta, ed i vaccini, a parte le evidenti frodi statistiche, non solo non è l'unica cura del covid (negandone l'abuso in "sperimentazione forzata"), ma semmai la peggiore, che ovunque è diffusa ha reso il numero di morti totali a livelli superiori dei precedenti, provoca ceppi continuamente più problematici ed aggressivi (contro le leggi della virologia, in cui l'agente patogeno da parassita del nostro corpo, come ogni saprofita, tende ad essere meno aggressivo coll'evolversi, per non perdere la fonte del proprio sostentamento!), e gli individui che credono a scienziati e medici affermati ed integerrimi (il Prof.Tarro, il nobel Montagnier, la Dott. Gatti, il Dott. Montanari, ecc), che negano apertamente l'efficacia di tutte le terapie attuali, vengono descritti come disertori, negazionisti, nazisti, traditori, dementi e delinquenti. Mentre è ovvio che nel caso acclarato di epidemia fraudolenta, come l'attuale, la caccia va indirizzata principalmente agli untori professionisti terroristi, non ai sani, con o senza pseudo vaccini.[/caption]